Passa ai contenuti principali

RISOTTO ALLA PESCATORA




Ingredienti 
 300 gr di riso per risotti  
1/2 kg di vongole veraci di mare, in alternativa lupini* 
1/2 kg di cozze 
300 gr di seppie 
300 gr di calamari 
300 gr di mazzancolle o code di gamberi 
300 gr di gamberoni rossi veraci (1 per ogni piatto) 3 cucchiai di olio extravergine + 1 per apertura di vongole e cozze 
1 cipolla bianca piccola 
2 spicchi d'aglio + 1 per apertura di vongole e cozze 1/2 bicchiere di vino bianco secco 
1 fascetto di prezzemolo fresco 
1 porzione di Bisque di gamberi (Fumetto di Crostacei) 
sale 
1 vaschetta di Brodo Well Biologico


 
Procedimento 

1- In primis dedicatevi a Pulire le vongole, seguite l'articolo del link per fare spurgare loro tutta la sabbia. 
 2-Preparate la Bisque di Gamberi (Fumetto di Crostacei) ponendo da parte mazzancolle e gamberoni crudi. 
 3-Mentre la Bisque di gamberi è in cottura, dedicatevi a Pulire le cozze cioè tirate via il bisso e scrostate i gusci come indicato nel link. Terminata l'operazione ponete da parte le vostre cozze intere e pulite. 
 4- Nel frattempo che le vongole spurgano la sabbia, pulite i calamari e le seppie (se l'operazione non l'ha già fatto la vostra pescheria di fiducia) : private i calamari dall'osso trasparente che si trova all'interno del corpo, eliminate le interiora e gli occhi. Sciacquateli e affettateli, ricavando degli anelli e mettendo da parte i ciuffetti. Pulite quindi anche le seppie, eliminate osso centrale e occhi. Affettate il corpo a listarelle: ponete i molluschi da parte. Quando le vongole avranno spurgato tutta la sabbia, unitele alla cozze intere, ponete entrambe in una casseruola/pentola ampia con 1 cucchiaio d'olio, 1 spicchio d'aglio e 2 fascetti di prezzemolo intero. Girate e lasciate aprire per circa 1'a fiamma moderata con coperchio chiuso. Nel giro di poco tempo, vongole e cozze si apriranno con il calore, girate e spegnete il fuoco dopo 1' - 1' e mezzo circa, questo per evitare che il calore prolungato possa indurire le carni dei vostri molluschi. Lasciate in pentola con coperchio chiuso ancora mezzo minuto. Scartate vongole e cozze chiuse (indicatore che sono morte) e aprite solo quelle schiuse. Tirate fuori il frutto dalla maggior parte dei gusci i e ponete da parte separate: cozze e vongole, ma abbiate cura di lasciare alcune cozze e alcune vongole con le loro conchiglie, in modo da servirle nel vostro risotto alla pescatora con guscio, garanzia per i vostri ospiti della freschezza dei molluschi. Quando avrete terminato l'operazione, salvate la preziosa acqua di cottura di cozze e vongole. Filtratela alla perfezione così come indicato nell'altricolo: Pulire le cozze e aggiungetela alla Bisque di gamberi (Fumetto di Crostacei) realizzata in precedenza : Una volta che tutti molluschi, crostacei e brodo sono pronti, potete procedere a realizzare il vostro Risotto alla Pescatora. In primis Scaldate il brodo. E' importate che il brodo sia bollente quando lo aggiungiate al risotto in modo che non perda il bollore. In una padella antiaderente piuttosto grande, ponete la cipolla frullata a crema con l'aiuto di un mixer, l'aglio e l'olio. Lasciate soffriggere per circa 1'circa quando l'aglio è dorato eliminatelo e aggiungete il riso Lasciate tostare il riso a fiamma vivace per 2' circa, avendo cura di girare costantemente: Aggiungete il vino bianco, alzate la fiamma e lasciate sfumare, girando velocemente, in pochi minuti l'alcol evaporerà. Aggiungete un paio di mestoli del brodo, calamari e seppie: Quando il composto ha preso il bollo, abbassate la fiamma e lasciate cuocere dolcemente, girando di tanto in tanto quando vedete che il riso ha assorbito tutto il succo, nel giro di 2' circa, versate altro brodo (massimo 2 mestoli per volta) e aggiungete mazzancolle e gamberoni : Lasciate cuocere a fiamma dolce, girando di tanto in tanto, quando il succo sta per asciugarsi, aggiungete ancora un pò di brodo (1 mestolo circa, massimo 2, non di più e sopratutto, non tutto insieme, per evitare di "allagare" il vostro risotto alla pescatora, la cui consistenza deve sempre mantenersi non troppo liquidaa. Quando il primo mestolo è assorbito aggiungete il secondo. Quando il risotto è buon punto di cottura, insieme ad un mestolo di brodo, aggiungete anche vongole e cozze: Attenzione che dal momento in cui inserite cozze e vongole, il risotto dovrà essere pronto entro 3', questo, per evitare che le carni dei molluschi (in particolare delle vongole) possano indurirsi oppure sgretolarsi, restando ancora troppo tempo sul fuoco a cuocere. Fondamentale quindi in questa fase di fine cottura, monitorare alla perfezione la consistenza e la cremosità... lasciate cuocere a fuoco dolce fino a quando il risotto non risulta cotto ma al dente e ha assunto un aspetto semi compatto, nè troppo asciutto, nè troppo liquido, bensì cremoso. In base a questo dato, controllate se il vostro risotto necessita di uno-due cucchiai di brodo oppure è perfetto così. Spegnete il fuoco, girate e controllate il grado di sapidità: aggiungete sale e una tritata di prezzemolo fresco . Mantecate ancora qualche secondo. Servite il vostro Risotto alla pescatora ben caldo: per ogni piatto aggiungete 1 gamberone, cozze e vongole con gusci e del prezzemolo tritato


Post popolari in questo blog

Collaborazione Bon Tajer

Bentrovati nel mio blog , oggi con immenso piacere voglio farvi conoscere L’agriturismo  Bon Tajer  i loro alloggi turistici e i loro ottimi prodotti  DoloMais  croste di polenta delle Dolomiti.

Immersi nel verde delle dolci colline di Lentiai,  in provincia di Belluno, alle porte delle Dolomiti UNESCO e del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi. La natura, con la sua bellezza, che si può vedere e respirare al Bon Tajer è certamente il fulcro della filosofia del locale.

Il nome Bon Tajer, che in dialetto bellunese significa “Buon Tagliere”, deriva dal fatto che molti dei piatti proposti dall'agriturismo vengono serviti direttamente su un tagliere di legno, e cosa più importante oltre il 50% dei prodotti utilizzati nell'agriturismo sono coltivati e allevati direttamente dalla stessa azienda agricola.  Inoltre tutto il locale è costellato da oltre 800 taglieri dipinti da artisti di tutto il mondo: una collezione unica, in continuo aumento, che caratterizza il locale e lo rende met…

Cantine del Notaio

Ciao a tutti!
Oggi voglio parlarvi di una nuova collaborazione che ho avuto con l'azienda " Cantine Del Notaio " 

Si tratta di un'azienda Italiana che si trova in Basilicata nata nel 1998 la passione per la viticoltura è antica nella famiglia Giuratrabocchetti e si tramanda da generazioni.
La sua grande fortuna oltre hai propri prodotti è l'amore e la passione che si è unita grazie alla sua famiglia, ( quando si ha la fortuna di avere una famiglia unita si riescono a creare sempre grandi cose).
Ora voglio mostrarvi ciò che mi ha inviato l'azienda:

Il Preliminare Bianco Secco


Colore giallo paglierino, cristallino. Al naso si presenta con accattivanti profumi di mandorla e frutta esotica fresche: ananas e mango. Al gusto si contraddistingue per la spiccata sapidità e la gradevole freschezza accompagnate da un tappeto di lievi note fruttate e verdi.
E' preferibile associare questo vino con piatti di pesce, magari con un bel aperitivo di mare.
Quando viene aperto ha …